fragm

cette fin du monde de poche s’exprimait tout entière dans la syllabe fragm (Michel Leiris)

  • Commenti recenti

  • Classifica Articoli e Pagine

  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Blog Stats

    • 21,486 hits
  • gennaio: 2007
    L M M G V S D
    « Nov   Feb »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  
  • Pagine

EDGAR ALLAN POE / CHARLES BAUDELAIRE

Posted by alfredoriponi su gennaio 23, 2007

Jetez sur une étoile un rapide coup d’oeil, regardez-la obliquement, en tournant vers elle la partie latérale de la rétine (beaucoup plus sensible à une lumière faible que la partie centrale), et vous verrez l’étoile distinctement ; vous aurez l’appréciation la plus juste de son éclat, éclat qui s’obscurcit à proportion que vous dirigez votre vue en plein sur elle. Dans le dernier cas, il tombe sur l’oeil un plus grand nombre de rayons ; mais dans le premier, il y a une réceptibilité plus complète, une susceptibilité beaucoup plus vive. Une profondeur outrée affaiblit la pensée et la rend perplexe ; et il est possible de faire disparaître Vénus elle-même du firmament par une attention trop soutenue, trop concentrée, trop directe.

 

Edgar Allan Poe, Histoires extraordinaires

Traduction de Charles Baudelaire

 

« … les État-Unis ne furent pour Poe qu’une vaste prison qu’il parcourait avec l’agitation fiévreuse d’un être fait pour respirer dans un monde plus aromal… » (Charles Baudelaire. Edgar Poe, sa vie et ses oeuvres)

Annunci

4 Risposte to “EDGAR ALLAN POE / CHARLES BAUDELAIRE”

  1. Gardenia said

    Senza la cura intelligente di Baudelaire, Poe non sarebbe giunto a noi; entrambi artisti di rara statura.
    Ho tenuto, in questi giorni, lezioni sulla “letteratura del mistero”, privilegiando Poe e faticando a parlare di Lovecraft, meno vicino ai miei gusti e alle mie propensioni. Probabilmente, per mio difetto. Mi piacerebbe conoscere il tuo parere al riguardo, g*

  2. Bleumarine said

    In Poe il tremendo è la visione senza vicinanza, la tortura di non poter avere contatto con la cosa vista. Il suo “abisso” è la forma più emozionale della profondità di campo, della scoperta d’una profondità in cui lo sguardo si inoltra attirato dalle cose. Ma la vertigine dell’abisso ricorre in modo così ossessivo da far pensare alla vertigine d’un desiderio: il desiderio di colmare il vuoto tra le superfici sensorie e una sostanza esterna che è come l’altro assoluto, l’altro in cui dissolversi, dentro un vortice che pare la soglia di un altro spazio, un ultraspazio, oltre quello della visione normale. (Gianni Celati)

  3. alfred58 said

    Merci mes amies.

    Riprendendo la citazione di Bleumarine, si comprende che in Poe il racconto del mistero o dell’orrore, lo straordinario non è popolato di creature aliene; le presenze che avverte nell’oltre spazio sono forme mutate dai suoi pensieri, un pensiero lineare e trasparente come il gioco della dama, che Poe preferisce agli scacchi. Per Poe il fisico è già metafisico, gli assiomi matematici una rivelazione. Come Poe siamo tutti attratti dal mistero, da quel che sorpassa il mondo materiale: è la ricerca di un senso non dato.
    “ Il mondo materiale, – continuò Dupin, – abbonda di forti analogie col mondo immateriale, ed è per questo che si è data una parvenza di verità al dogma retorico secondo cui una metafora o una similitudine possono servire a rafforzare un’argomentazione o ad abbellire una descrizione.” (La lettera rubata)
    In Poe, però, s’intuisce ancora una fuga dal mondo, che non sarà poi, invece, in kafka, dove il potere di trasfigurazione del reale, affidato alla parola, fa tremare la realtà alle sue fondamenta. possiamo tutti vivere lo spaesamento di K., le sue angosce quanto mai reali.
    “Ma la vertigine dell’abisso ricorre in modo così ossessivo da far pensare alla vertigine d’un desiderio: il desiderio di colmare il vuoto tra le superfici sensorie e una sostanza esterna che è come l’altro assoluto, l’altro in cui dissolversi…”
    La vertigine del desiderio in Poe è senza dubbio la vertigine dell’Assoluto, non trascendente, rimane tuttavia un’impossibilità; l’amore terreno ha nella morte il suo compimento, i corpi sono malati, evanescenti, destinati alla consunzione.
    Lovecraft, autore tenuto in considerazione da Deleuze, non sono mai riuscito a leggerlo, al pari di altri scrittori del fantastico, come Hoffmann.

    Da vecchi appunti:
    “Kafka scriveva in un periodo in cui l’oggetto reale, sociale, della sua angoscia era ancora storicamente ben lungi da una piena e concreta esplicazione.” La critica marxista di Lukàcs è appropriata, K. è un essere sociale, che non può venire a patti con la realtà. Sarà schiacciato, o si salverà… Nei libri è salva la parte più nascosta e tormentata di Kafka. E’ difficile trasformare la nostra prigione interiore in un castello, fuggire non è impossibile, ma… .

  4. Bleumarine said

    Ho rispolverato anche K. Grazie a te.

    Continuò dunque il cammino, ma era un cammino assai lungo. La strada infatti, cioè la strada principale del paese, non conduceva alla collina del Castello, ma soltanto nelle vicinanze; poi, come deliberatamente, descriveva una curva e sebbene non si allontanasse dal castello, non gli si avvicinava neppure. K. Si aspettava sempre di vederla finalmente piegare verso il Castello, e solo questa speranza lo induceva a perseverare; esitava ad abbandonare la strada, a cagione della stanchezza, naturalmente, e si meravigliava dell’estensione di quel villaggio che non finiva mai; sempre casette, finestre incrostate di ghiaccio, neve e assenza di esseri umani. Infine si strappò da quella strada che lo teneva prigioniero, e una viuzza angusta lo accolse; la neve era sempre più alta, tirar fuori i piedi che vi affondavano era una fatica; s’accorse di essere grondande di sudore, e all’improvviso si fermò non potendo andare più avanti.

    Franz Kafka, da Il castello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: