fragm

cette fin du monde de poche s’exprimait tout entière dans la syllabe fragm (Michel Leiris)

  • Commenti recenti

  • Classifica Articoli e Pagine

  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Blog Stats

    • 21,689 hits
  • novembre: 2007
    L M M G V S D
    « Ott   Dic »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
  • Pagine

Gracq / « Autour des septs collines »

Posted by alfredoriponi su novembre 11, 2007

 

L’Aventin

J’aurais aimé avoir le temps de retourné sur l’Aventin, d’y flâner longuement, d’explorer ses rues une à une, en prenant pour point de départ la magique petite place de Piranèse, et le portail de son prieuré de Malte au trou de serrure emblématique en forme d’oeil. Quartier secret et vert, aéré, plein de silence, où il semble toujours en effet qu’un oeil vous suive sans qu’on le voie au long des rues feuillues, et qui paraît défendu plus que les autres contre le promeneur. C’est derrière les murs qui enclosent la rue Sainte-Sabine, et qui doivent cacher les jardins de couvents, autour de Saint-Alexis, que j’aurais cherché les mystères de Rome, qui par nature n’en a pas tant puisque (le Vatican bien sûr mis à part) tous ses viscères nobles mis à l’air, elle est la seule ville au monde qui ressemble à une autopsie.

[Julien Gracq, Autour des septs collines, Josè Corti]

Annunci

14 Risposte to “Gracq / « Autour des septs collines »”

  1. farouche said

    dissettorio Gracq sugli esposti misteri: una visione insolita, affascinatissima…

  2. alfred58 said

    il nostro occhio sull’infinito…

  3. Di chi sono le parole ? 

    Mi fa male la bocca dello stomaco.
    c’è una cosa che mi strozza la bocca dello stomaco ,
    ma se non te lo dico con le parole non la vedi.
    Mi fa impazzire, letteralmente, la tua fragilità. mi fa stare male.
    empatizzo, la assorbo perchè la capisco, e questo
    è uno dei motivi perchè ti voglio bene. poi c’è un’altra cosa,
    che è il modo che tu hai di liberartene, di mandare via,
    o lasciare sospesi nell’aria i tuoi sentimenti,
    e spesso si tratta di sensazioni semplici,
    che uno capisce da cosa possono derivare
    e attraverso il principio di
    causa-effetto riesce a farsene una ragione,
    a ricondurli a qualcosa in modo razionale
    e a distaccarsene,
    perchè è un fatto non suo.
    ma tu quando scrivi sei capace di lanciarle in aria come sassi,
    e l’unica cosa che rimane è quella pietra scagliata in volo
    che ad un certo punto apre le ali e,
    per un istante, uno solo, ritorna uccello, come per istinto,
    e che trasforma tutto in qualcosa che è sommerso, irreale.
     ‘ simboli ‘, ‘ metafore ‘.

    Tu lo sai di chi sono le parole?

    Sono di chi le scrive solo per un attimo.
    Poi diventano di chi le legge. è qualcosa che deve essere regalato,
    perchè in caso contrario è morto, relegato, imprigionato.

    Le parole sono Lame, ma il mondo è pieno di Lame.
    e come di lame, di molte altre cose, diverse gradazioni del bello,
    del brutto, del santo, dell’osceno. non esiste un universo chiuso.
    detto questo, ho bisogno di dirti qualcosa di stupido
    perchè devo alleggerire questa sensazione,
    quindi concludo con il mio consueto
    MIAOOOOOOO,

  4. alfred58 said

    a futura memoria:

    “Tu lo sai di chi sono le parole?

    Sono di chi le scrive solo per un attimo.

    Poi diventano di chi le legge. è qualcosa che deve essere regalato,

    perchè in caso contrario è morto, relegato, imprigionato.”

    merci lefty.

  5. ma prego amore bellissimo !!!

  6. alfred58 said

    farouche sera jalouse

  7. alfred58 said

    e red incazzata, come suo solito

    (terzo fronte)

  8. queste donne ah ??? ;-)))

  9. alfred58 said

    lefty, s’è incazzato anche het. vai di là e tranquillizzalo tu…

  10. RedPasion said

    il terzo fronte è intoccabile
    per rispetto a farouche.

  11. alfred58 said

    guarda la luna e medita

  12. farouche said

    sono gelosisssssima di cousinlefty, queste cose così belle a me non le ha mai scritte! argggggg :-)))))))

  13. farouche said

    “Tu lo sai di chi sono le parole?

    Sono di chi le scrive solo per un attimo.

    Poi diventano di chi le legge. è qualcosa che deve essere regalato,

    perchè in caso contrario è morto, relegato, imprigionato.”

    le parole devono andare libere correre/scorrere ibridarsi, innestarsi, fondersi…come scrissi una volta la
    Parola umida, goccia, rivolo, fiume bagna le terre e le feconda.

  14. anonimo said

    “La pioggia di città, con quel suo invito tanto penetrante a lasciarsi trasportare dal sogno negli anni della prima infanzia, risulta comprensibile solo a chi sia cresciuto in una grande città. La pioggia tiene ovunque più nascosti e rende le giornate non solo grigie, ma uniformi.” (W. Benjamin)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: