fragm

cette fin du monde de poche s’exprimait tout entière dans la syllabe fragm (Michel Leiris)

  • Commenti recenti

  • Classifica Articoli e Pagine

  • Articoli recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Blog Stats

    • 24.945 hits
  • settembre: 2012
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
  • Pagine

Archive for 14 settembre 2012

Antonio Porta (1935-1989)

Posted by alfredoriponi su settembre 14, 2012

da L’ARIA DELLA FINE / Antonio Porta

Sto abbandonando Roma
polvere palpitante divenuta città
volevo dire: sto lasciando e dico:
abbandonare invece di lasciare
che sa troppo di lisciva e di sciare, come
direbbe l’amico di una donna chiamata: Speranza!
Appena detta questa frase nel vuoto del bus
si trasforma in un’altra;
sto abbandonando la vita?
Incendiaria polvere palpitante
lascio alle mie spalle
il corpo di una dormiente distesa,
città senza confini: «Mi sembra
di vedere il suo corpo pulsare
respiro che prolunga la notte incendiata,
fuoco per tanti secoli ancora per tutti i secoli
fecondati dal suo fiume mestruale…»
Corpo della notte illuminata dall’interno.
Abbandonare la vita? «La morte
è solo un fantasma» mi ha detto una ragazza
dagli occhi chiari di nome Daìna, seduta
davanti a me parlandomi del paradiso di questa
terra. Era l’ora! E come le respiro le sue parole
quanto mi consumano nel loro fuoco!
Sento il mio corpo come una sedia di marmo,
tento di impiombarmi al suolo, contro me stesso,
fatico a liberarmi delle mie ferite pietrose,
ma trionfo, infine, ma esco
con le scie luminose del crepuscolo,
lascio le stanze della fame, con questo verbo
adesso: scivolo via, come il piccolo torrente
del mio sangue scivola giù dal finestrino:
tornerò, sto già tornando, anch’io polvere
fatta corpo, a un milione di gradi di fusione,
palpitazione, sonno di fecondità, sto
ritrovando la via, la forma della città
che ha un cuore sottoterra, polvere di sangue,
scivolo in tutti i suoi cunicoli e poi volo
verso il mio volto con una piuma
sopra le labbra, è un vento che mi conquista
che mi trascina dentro la sua cintura e approdo
infine in una stanza rotonda, la stanza della nascita,
dove la brace viene guardata tutta la notte,
al centro, e alle ore giuste l’usignolo
canta le lodi delle sue uova.

[…]

[Antonio Porta, Tutte le poesie (1956-1989), Garzanti 2009]

Posted in poesia, porta antonio | Leave a Comment »