fragm

cette fin du monde de poche s’exprimait tout entière dans la syllabe fragm (Michel Leiris)

  • Commenti recenti

  • Classifica Articoli e Pagine

  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Blog Stats

    • 21,372 hits
  • aprile: 2016
    L M M G V S D
    « Dic   Mag »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Pagine

Ghérasim Luca | Helmut Heissenbüttel

Posted by alfredoriponi su aprile 21, 2016

 

da LA PROIE S’OMBRE / Ghérasim Luca

 

Il turbine che riposa

 

ciò che passa per perfettamente immobile / spinge ciò che sembra curiosamente deambulante / a fingere d’esser fisso se non immutabile

così ciò che ha l’aria di fermarsi malgrado tutto / passa per agitarsi follemente intorno

ciò che si muove o no in un angolo oscuro / della stanza o piuttosto ciò che scivola / tra i passi di ciò che si muove / o riposa nel bel mezzo di un turbine / e soprattutto il mobile che ha l’aria / d’avventarsi a piccoli balzi immobili / al di sopra / fingono d’essere perfettamente / ciò che ha l’aria d’essere / curiosamente deambulante / e con ciò che finge di passare / per ciò che finge d’essere / fisso se non immutabile / spingono ciò che è perfettamente immobile / a farsi passare per / ciò che spinge a fingere / di passare per curiosamente deambulante / di passare da perfettamente immobile / a ciò che ha perfettamente l’aria d’essere / ciò che passa / o piuttosto a ciò che spinge / ciò che ha / l’aria d’essere ciò che passa / a oltrepassare perfettamente ciò che passa / a oltrepassare anche ciò che oltrepassa ciò che passa / pur fingendo d’essere / curiosamente oltrepassato da ciò che passa / a spingere tutto / tutto ciò che passa o no / ad aver l’aria d’essere perfettamente oltrepassato / di non essere che oltrepassato / di nascere fisso e oltrepassato in un angolo …

(La Fine del mondo / Ghérasim Luca ; Joker 2012 – La proie s’ombre ; Josè Corti 1991)

*

da TESTI 3 / Helmut Heissenbüttel

 

che che che che

 

voix d’abord de hors qua qua (Samuel Beckett)

se qualcosa attraversa qualcosa allora tutto ciò che è tutt’intorno è qualcosa che è uguale intorno tutt’intorno e ciò che eventualmente è diverso da qualcos’altro tuttavia non è diverso tutt’intorno da qualcos’altro

se però qualcosa che ha attraversato qualcosa viene fuori da qualcosa attraverso cui è passato qualcosa allora ciò da cui è venuto fuori qualcosa è qualcosa che non è più tutt’intorno ma qualcosa che se ne va e qualcosa che se ne va diventa a poco a poco qualcosa che se ne è andato e qualcosa che se ne è andato è qualcosa che è di fuori e qualcosa è di fuori è qualcosa che ha aspetto diverso e così qualcosa che ha attraversato qualcosa se viene fuori da qualcosa attraverso cui è passato recepisce di ciò attraverso cui è passato opinioni

un’opinione che qualcosa ha di qualcosa attraverso cui è passato qualcosa è allora qualcosa mediante cui qualcosa che ha attraversato qualcosa può distinguere ciò attraverso cui è passato qualcosa ammesso che ciò attraverso cui era passato qualcosa fosse fatto di qualcosa che aveva grandezza diversa allora mentre qualcosa attraversava qualcosa che era più grande o più piccolo non era così grande o così piccolo perché intanto tutto tutt’intorno non era qualcosa che era piccolo o grande ma solo qualcosa che era tutt’intorno

ora se però qualcosa che aveva attraversato qualcosa viene fuori da qualcosa attraverso cui era passato allora ciò da cui viene fuori qualcosa è qualcosa che se ne va e qualcosa che se ne va ha quindi diversa grandezza e piccolezza o comunque ciò che è venuto fuori da qualcosa è dell’opinione che ciò da cui è venuto fuori qualcosa è qualcosa che ha diversa grandezza e piccolezza

ora se però qualcosa attraverso cui era passato qualcosa diventa qualcosa che se ne va sempre più lontano ciò che ha diversa grandezza e piccolezza diventa sempre meno diverso e ciò attraverso cui era passato qualcosa e di cui ciò che aveva attraversato qualcosa aveva l’opinione che avesse diversa grandezza e piccolezza diventa quindi qualcosa che diventa sempre più uguale o per lo meno ciò che aveva attraversato qualcosa ha l’opinione che diventi sempre più uguale e ciò che finalmente è molto lontano da ciò che aveva attraversato ha di ciò di cui è molto lontano l’opinione che sia qualcosa che è in sé del tutto uguale e indifferente e quanto più qualcosa è lontano da qualcosa attraverso cui una volta era passato qualcosa tanto più esso diventa indifferente

(Testi 1 | 2 | 3 / Helmut Heissenbüttel ; tr. Emilio Picco ; Einaudi 1968)

 

*

Come nelle ultime prose di Samuel Beckett, le parole si ripetono in un movimento che sembra raggiungere, nell’estrema velocità, l’immobilità. “Quale di tutti i luoghi immaginabili ha meno probabilità di svanire? E a lungo andare si starà meglio nel moto o nella quiete?” (S. Beckett, Compagnia, Jaca Book 1986).

*

Helmut Heissenbüttel su GAMMM

http://gammm.org/index.php/2006/06/29/da-testi-1-2-3-helmut-heissenbuttel/

http://gammm.org/index.php/2006/10/26/da-testi-123-helmut-heissenbuttel-ii/

http://gammm.org/index.php/2007/08/27/da-testi-123-helmut-heissenbuttel-iii/

Annunci

Una Risposta to “Ghérasim Luca | Helmut Heissenbüttel”

  1. […] Sorgente: Ghérasim Luca | Helmut Heissenbüttel […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: