fragm

cette fin du monde de poche s’exprimait tout entière dans la syllabe fragm (Michel Leiris)

  • Commenti recenti

  • Classifica Articoli e Pagine

  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Blog Stats

    • 21,254 hits
  • aprile: 2011
    L M M G V S D
    « Mar   Giu »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Pagine

Eugenio De Signoribus – Ronda dei Conversi

Posted by alfredoriponi su aprile 2, 2011

“Dentro l’odierno imperio, si narri più forte, per carità, un altro sentimento: quello che contiene ogni oscurata vita”. La morte, che subiscono i corpi, passivamente; quei corpi morti sui quali si è edificato il ventunesimo secolo “i morti sono le fondamenta del tempo… perché nessuna casa può più appartenere veramente a qualcuno”. Nessuna riedificazione, nessun riabitare la terra…

Le poesie di Eugenio De Signoribus: Poesie (1976-2007), Garzanti 2008; Memoria del chiuso mondo, Quodlibet 2002; Trinità dell’Esodo, Garzanti 2011.

Terre bruciate

chi non può averti t’uccide…
non sopporta il tuo corpo scritto
e il tuo te che pure sofferente
sta sopra la sabbia verbale

dopo il tuo terzo no
intorno al tuo capanno cosparge
la sua carta venale e l’incendia
negando anche sé nel conflitto…

chi ti convive e sente
in pericolo la tua alleanza
corre a spegnere sul nascere
ciò che già cenere era

ma all’alba un’incerta linea nera
separa il tuo sguardo infelice
da ogni luogo dove non sei
se non nell’urna o nella cicatrice

Eugenio De Signoribus, Ronda dei Conversi VII: Accorale per le Terresante

La settima e ultima parte di Ronda dei conversi, “Accorale per le terresante”, presenta una struttura contrappuntistica, scandita dall’alternanza delle terre e dei cori. Alle voci plurali, disorganizzate e afflitte dei cori (6) ― a cui il titolo italiano, Accorale, dà la tonalità ― rispondono le terre plurali (5), anch’esse annunciate da una poesia del dolore. Terre sante dove inizia il viaggio spirituale e sapienziale del poeta che erra «tra i penitenti / dell’umanità rovinosa» o tra «i riparati» che escono dai rifugi. Terre basse dove si compie la discesa dantesca. Terre bruciate dove il «corpo scritto» della poesia non ha posto. Terre alte dove il poeta fa tappa tra i «salvati» dal naufragio umano. Terre di mezzo, terre di bilancio poetico e di disillusione. Stanco delle violenze che legano gli uomini a Dio, stanco dei falsi predicatori e dei fanatismi, stanco dell’«ultrafede» degli «innumeri volti fibra su fibra incordati», il poeta, Nuovo Abele, fa appello a nuove forme di scrittura: «o nuova lettera o nuovo testamento». Figura rovesciata dell’Abele biblico, il Nuovo Abele, contrassegnato da «un segno che nessuno vede», rifiuta la violenza. E se deve soffrire, tanto vale che mantenga la sua sofferenza sopra la sua «sabbia verbale».

Angèle Paoli – da : http://terresdefemmes.blogs.com/

trad: alfredo riponi

 

Advertisements

6 Risposte to “Eugenio De Signoribus – Ronda dei Conversi”

  1. alfred58 said

    http://terresdefemmes.blogs.com/mon_weblog/2008/02/eugenio-de-sign.html

  2. anonimo said

    Caro Alfredo,

    Scusami per il ritardo a risponderti. Sono immersa, come forse lo sai, in un lavoro di scrittura importantissimo il cui manoscritto deve essere pronto a settembre. Questo lavoro non mi lascia riposo e talvolta ho voglia di lasciare cadere. Questo preambulo per chiederti indulgenza.

    Grazie molto per questa tua traduzione. Forse questa recensione della mia lettura di Ronda dei conversi potrebbe essere tradotta completamente e proposta in una rivista o all'altra. Non so. Che ne pensi?
    Mi dai  voglia di fare conoscere meglio quel grande poeta, ignoto qui, in Francia. Cosa si puo fare secondo te? Cosa mi suggerisci di fare?

    Amicizia
    Angèle

  3. anonimo said

    Bella lettura Angèle e grazie ad Alfredo per la traduzione.

    De Signoribus per me è il più grande poeta che abbiamo… dobbiamo farlo conoscere in Francia, assolutamente!

  4. anonimo said

    Rita, sloggata naturalmente!

  5. anonimo said

    A paraître à la librairie La Nerthe (30 juin 2011), la traduction française de Principio del giorno (Milano, Garzanti, 2000) : Au commencement du jour.

    YT pour Terres de femmes

  6. alfred58 said

    http://www.nazioneindiana.com/2011/04/08/trinita-dellesodo/trackback/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: